Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo

012
Pubblicato 18 Settembre 2012 Visite: 3580
Stampa

Acquerello su carta, autoritratto e studio de La Toilette di Henri de Toulouse-Lautrec1999.

L’esigenza di andare in giro con un quaderno su cui appuntare pensieri o le immagini inaspettate che ci si palesano all'improvviso, si va sempre di più perdendo perché, il classico taccuino tascabile è stato oramai sostituito dai diversi modelli di telefoni cellulari provvisti di touch screen per appuntare pensieri numeri di telefono ecc.., apparecchi fotografici capaci di fotografare e di filmare in alta definizione, microfoni per registrare voci o rumori e tantissimi gadget ancora. Ancora oggi ho il mio taccuino su cui scrivo appunti o disegno dei rapidi schizzi.  


 
Pubblicato 09 Settembre 2012 Visite: 1840
Stampa

Asmodeo, olio e acrilico su tela, 30X30cm.  

Il dipinto è stato realizzato in un paio d'ore perché mi chiesero di partecipare all'ultimo momento ad una mostra collettiva: L’arte tra il visibile e l’invisibile 1806-2006, assieme a 73 artisti lucani, di cui 15 scomparsi, vissuti tra il 1806 ed il 2006 tenutasi a Potenza dall'undici agosto al dieci settembre 2006 presso il MUSEO ARCHEOLOGICO PROVINCIALE.

Questo demone nel 1482 non poteva essere dipinto se non con tecniche che lo rendevano invisibile. Nascondeva una grande e pericolosa eresia per la Chiesa Cattolica. Oggi il suo significato è stato assimilato e non spaventa più i poteri conservatori. La moderna teoria scientifica della stratificazione delle falde concepita da Leonardo da Vinci oggi ha del tutto spazzato via la giustificazione che gli antichi davano della presenza dei fossili sulle montagne: le superstizioni alchemiche e il principio teologico del diluvio universale

Il demone che emerge da una conchiglia e dalle acque rappresenta la vittoria della materia, delle terre, sulle acque. La ricerca scientifica sul principio teologico.

Verrà adottato da alcuni romanzieri che narreranno le vicende del demone per prendersi gioco dei soprusi della nobiltà, del clero e dei poteri forti. Gli usurai, i ricchi e stupidi padroni e i dirigenti corrotti di questa società saranno presi di mira dal demone che li renderà vittime e carnefici di sè stessi.

Non riesco a concepire un vero scienziato senza una fede profonda. La situazione può esprimersi con un'immagine: la scienza senza la religione è zoppa; la religione senza la scienza è cieca. Albert Einstein.

 
Pubblicato 06 Settembre 2012 Visite: 3153
Stampa
Due quadri in un solo cartone. Le due facce di una medaglia. Il ritratto del corpo e il ritratto dell'anima.

Presente Passato Futuro, acrilico su cartone 70x50cm. 2004. DAL 26 LUGLIO AL 14 SETTEMBRE 2008 ha partecipato ad una mostra itinerante nella Provincia di Potenza.

E' un triplice autoritratto. Cammino in un'unica direzione vestito diversamente. Primavera, estate, autunno e inverno. I vestiti autunnali sono gli stessi di quelli primaverili. Quando mi chiesero il titolo del quadro, ne ho buttati giù ironicamente diversi. Il tritratto, le tre stagioni e passato presente e futuro. Questo dipinto è un esercizio in cui ho voluto giocare sul concetto di distanza lavorando molto sulla sezione aurea. L'autoritratto più vicino all'osservatore del quadro è quello più lontano dalla meta. Il primo è goffamente scoordinato ma ci vuole attenzione per capirlo. Ritorna la lingua che vola e compare un elefante a forma di nuvola.. Ritorno a citare Dalì. Un quadro buttato giù in mezza giornata, ricco di ripensamenti e di pennellate approssimate. E' il quadro che ha avuto più richieste, ma l'opera non è in vendita.

>

E' una “carovana di artisti” che attraversano i luoghi della loro ispirazione (sembra di per sé una specie di transumanza), ma ricordano assassini sulla scena del crimine. Si chiamano: Lucia Bonelli, Luca Caricato, Tina De Stefano, Michele Di
Lecce, Anna Giordano, Silvio Giordano, Eleonora Grieco, Birgitt Gutt-Daraio, Gabriela Jantoniù, Pietro L’Annunziata, Antonio Masini, Patrizia Monacò, Michele Morelli, Antonio Passavanti, Marcello Samela, Michele Santarsiere, Manuela Telesca, e Teri Volini. Con le loro opere hanno rotto, deformato, colorato, cancellato, astratto concetti universali, senza chiedere mai il permesso per farlo. Solo un cedimento quasi inevitabile: la committenza. E per questo nelle opere di “LucaniArtwork” c’è questa
terra e tutto il suo contrario, forse la sola interezza possibile. C’è realismo e magia, tradizione e contemporaneità, identità e confusione. C’è la pasta filata e quel sapore d’oriente, le vacche al pascolo, e le pale eoliche. Ci sono ritratti ironici e temerarie ricomposizioni, c’è la materia divinizzata, e l’avanguardia nell’organizzazione del lavoro. Ma ci sono anche le sottane, i fazzoletti e i corpetti delle contadine lucane, e le sottane, i fazzoletti e i corpetti delle contadine russe.
Sembra antropologia in movimento, che si rigenera e diventa moda, tendenza, e infine economia, impresa.
È un movimento contagioso e interattivo. Ma “LucaniArtwork” è soprattutto un’esperienza, sopra quella di 18 artisti diversamente legati a questo difficile territorio. Oltre il mito dell’isola.
Giornalista e Critico - Leo Amato

Questo dipinto però nasconde un altro dipinto. Un giorno una gallerista mi chiese di mostrarle alcuni dei miei quadri per farmi partecipare ad una mostra collettiva che stava preparando. Non trovando nessun dipinto attinente la salutai cordialmente mentre mi preparavo a riordinare le mie opere. Nel riporre l'opera descritta qui sopra, mostrai involontariamente alla gallerista il retro del cartone. Questa mi fermò con gioia dicendomi di avere trovato un'opera che rispecchiava lo stile della sua galleria. Rinunciai a prestare il dipinto perché non lo ritenevo riuscito e per questo non lo avevo nemmeno firmato. Lo avevo dipinto in pochi minuti mentre ero in preda ad un'intesa riflessione che si risolse nella decisione di partire da Potenza per Bologna, presso dei miei carissimi amici. A volte la storia di un quadro può essere più banale di quanto si possa immaginare. Era l'8 dicembre 2004, presi il cartone di un vecchio dipinto che mi aveva impegnato per diversi giorni e per scacciare dalla mia mente dei pensieri c'ho buttato un po' di colore. Le due facce della medaglia. Un solo cartone e due opere diverse. Il valore che diamo alle opere è estremamente soggettivo e forse non è mai quello giusto.

il volto di un'anima Acrilico su cartone - 8 dicembre 2004. Potenza
Allegati:
Scarica questo file (res338488_brochure-EFAB-LucaniaArtWork.pdf)Mostra itinerante nella Provincia di Potenza[Mostra itinerante nella Provincia di Potenza]1793 Kb
 
Pubblicato 04 Settembre 2012 Visite: 2603
Stampa

Magia Naturale, tecnica mista, tempera, acrilico china, matita, cera, bic ecc. su compensato lucido ricavato da un vecchio mobile Ikea. Bologna, aprile 2007
 
Giordano Bruno, nasce a Nola nel 1548. Amava le donne, la magia e la verità.
 
I bambini si portano dentro una magia naturale… Che a poco a poco, crescendo…. Sono costretti a distruggere. E allora  cominciamo a pregare la Santissima Trinità e i Santi e la Madonna… Una grande Madonna azzurra con gli ori e gli  amori e gli incensi…. 

Dobbiamo imparare e respirare. Per riscoprire che…. Gli  alberi, le pietre…. Gli animali… E tutta la macchina della terra…. Hanno un respiro interno. Hanno un respiro interno  come noi… Hanno ossa vene carne come noi.
 
Tratto dal film Giordano Bruno di Giuliano Montaldo del 1973. Interprete principale Gian Maria Volonté

 

 
Pubblicato 30 Agosto 2012 Visite: 3158
Stampa

Iperuranio, Collezione Acierno. Ceramica 2000.

Raffaello, nell'affresco La Scuola di Atene, molto probabilmente, raffigura Platone sotto le sembianze di Leonardo da Vinci. Inequivocabile il segno dell'indice di Platone che indica verso il mondo delle idee.

L'Iperuranio è un concetto espresso da Platone nel Fedro.

Risiederebbe al di là del cielo,  oltre la volta celeste, per ospitere le idee immutabili perché perfette. In questo luogo solo l'intelletto può arrivarvi mentre il corpo caduco e corruttibile non ha accesso. L'iperuranio si trova in una dimensione metafisica priva di tempo e di materia ma fatta puramente di spirito. Leonardo nelle sue opere mostra spesso un uomo che indica verso l'alto, verso l'Iperuranio. Con questo manufatto mi sono divertito a creare una sintesi dell'Iperuranio riproducendo soltanto un indice alto circa 18cm.:  il pezzo mancante di una grande statua. Il resto del corpo lo immaginiamo proporzionatamente rapportabile a quel dito. Ci facciamo un'idea di tutto il corpo che manca e delle sue proporzioni; ne immaginiamo il viso, gli abiti la barba. II resto del corpo che dovrebbe stare sotto al dito diventa un'idea che noi dovremmo collocare nell'Iperuranio, ovvero sopra al dito.

 

Pagina 2 di 4

<< Inizio < Prec 1 2 3 4 Succ > Fine >>

Libri

LibriLucaCaricato

Utenti online

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

Login Form



| + - | RTL - LTR
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.