Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo

012
Pubblicato 05 Novembre 2012 Visite: 1876
Stampa

Interessante articolo tratto dal sito www.insideart.eu

L’odissea del ‘Salvator Mundi’, il capolavoro ritrovato l’anno scorso e attribuito a Leonardo da Vinci, potrebbe presto trovare un suo lieto fine: non in una Galleria del Louvre (come la ‘Gioconda’) ma al Dallas Museum of Art, in Texas. Da quest’estate, infatti, sono sempre piu’ insistenti le voci di una possibile acquisizione da parte della prima e piu’ prestigiosa istituzione museografica del Lone Star State: il Dma, guidato dal nuovo direttore Maxell Anderson. “Abbiamo portato il dipinto recentemente attribuito a Leonardo al Dallas Museum of Art e stiamo continuando a vagliare la possibilita’ di acquistarlo”, ha dichiarato Jill Bernestein, responsabile della comunicazione del Museo. Personalita’ forte e determinata, Anderson e’ conosciuto a livello internazionale per le innovazioni introdotte dei musei americani precedentemente diretti e per un saggio a sua firma dal titolo ‘Metrics of Success in Art Museums’, che propone una visione del museo come luogo di aggregazione e di attrazione turistica per eccellenza assieme a una serie di parametri per ‘misurarne’ il successo. In questa prospettiva l’acquisto – secondo molti imminente – di un’opera come il ‘Savator Mundi’ servirebbe senz’altro a lanciare il DMA nel firmamento dei musei piu’ gettonati al mondo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Libri

LibriLucaCaricato

Utenti online

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online

Login Form



| + - | RTL - LTR
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.